MinimalTribe style

Lo Sperimentare è indubbiamente la mi attidudine,in alcuni campi come la Pittura e la Musica questa attidudine è stata coltivata ed istruita,in altri campi invece proprio l’essere fondamentalmente uno sperimentatore ha generato cose,dimensioni,realtà, che non erano state preventivate,una di queste, è proprio stata la veicolazione del mio nome d’arte dai primi anni 90′.

Nei primi anni 90 in Roma grazie alla mia fantasia nasceva il nome “Minimal Tribe”,diventato poi minimaltribe,inizialmente era un gruppo di tre persone che tramite il mio intuito organizzava concerti live set di musica electronica dance la famosa cioè Teckno che in quei tempi in Italia e Roma era patrimonio solo delle discoteche di genere stereotipato,classico,mentre la mia idea nasceva e si sviluppava nell’ambito della Sinistra estrema,cioè i Centri Sociali di quegl’anni..

Tutto non nasce per caso,io seppi di alcune tematiche che avvenivano oltre Manica nel 1989-90,cioè gli oramai conosciuti ed usati “Raveparty” in Fabbriche dismesse oe luoghi simili,mentre mi trovavo in un centro sociale di Udine,essendo io uno sperimentatore di musica elctronica gia dai primi anni 80′,il passo fu breve ed immediato,è cosi che nasce il mio primo brano con sonorità “house” nelle cantine del centro sociale di Udine,non dovrei dire “mio” brano dal momento che il basso fondamentale, era suonato in real time da un personaggio conosciuto in Udine all’interno del movimento Punk dei primi anni 80′.

Nacque cosi questa idea di unire per specificare un qualcosa, il termine cioè  “Minimaltribe”.

Minimal inteso come l’esigenza e la convinzione che il Roccoco ed il Barocco  fossero e siano vezzi inutili,il Tribe come riferimento alla scena Inglese ed della nuova scena Psicadelica ritrovata in essa e tutto questo, avveniva nei primissimi anni 90′ in Roma.

Il mio background gia prevedeva un certo distacco dagl’ambiti e le tematichelogiche della musica business,infatti gia con la musica rock mio primo amore, creai alcune situazioni diametralmente opposte all’idea di voler diventar famoso con la musica,anzi l’opposto.

Il gruppo muiscale “Senza Fissa Dimora” ben anche avesse delle grandissime potenzialità esse vennero solo consumate all’interno della sperimentazione nei centri Sociali Italiani(si può visitare il sito “minimaltribe.org” per ascoltare alcune songs dei senza fissa dimora).

Sicche con l’avvento della musica teckno e la possibilità di produrla in proprio senza bisogno di nessuno e di consumarla senza bisogno del business ufficiale,ecco che accadde quel qualcosa di imprevisto.

La mia idea è sempre stata quella di consumare la musica esclusivamente live,cioè senza cadere nella produzione di dischi,essendo stato ed essendo un produttore di musica live tutto ha filato giusto secondo i mie piani(anche se etc etc etc),infatti, tutto ha filato giusto fin quando qualcuno si è arrogato il diritto di farlo di nascosto da me.

Ecco cosi che iniziò nel girare materiale nocopyright targato minimaltribe,minimaltribe che appunto sveicolato dalla mia persona fisica, pian piano prese le vesti di uno style musicale.

Oggi suona quasi ridicolo voler affermare la paternità del minimaltribe anche se la mia Radio,internet radio, continua nel trasmettere musica teckno originale di cui poterne fare e disfare a proprio piacimento,dunque non è per mettermi in ridicolo ma giusto per tracciare un po di storia,se non altro la mia e di chi sa e vuole ricordare.

 

alla prossima puntata

MinimaltribeRadio, 24 ore al giorno no stop, solo musica originale composta negl’anni, da me,cioè MinimalTribe.

Un caro abbraccio a tutti.

 

images.jpg

MinimalTribe styleultima modifica: 2009-11-22T22:54:00+00:00da minimaltribe
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento